restauro dipinto Madonna di Oropa

Il dipinto della Madonna di Oropa fra S. Eusebio e S. Stefano

Venerdì 4 giugno alle ore 21, nella Cattedrale di Biella sarà presentato il restauro del dipinto raffigurante la Madonna di Oropa fra Sant’Eusebio e Santo Stefano , del XVII secolo.

Questo dipinto seicentesco è di grande valenza storica: protagonisti sono infatti il vescovo di Vercelli Sant’Eusebio e il patrono di Biella santo Stefano nell’atto di offrire la pieve di Biella alla Madonna d’Oropa. Inoltre, lo sfondo è una rappresentazione accurata di Biella in cui compaiono una serie di edifici storici e di culto nel tempo modificati o scomparsi.
Il quadro, conservato presso l’Archivio Capitolare nel Duomo di Biella, è stato restaurato grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e a Mariella Nice e Ida Barberis che hanno contribuito al restauro del dipinto in memoria della sorella Ada.

L’iniziativa è organizzata nell’ambito del Cammino verso la V Centenaria Incoronazione della Madonna di Oropa del 29 agosto 2021 dalla Parrocchia di Santo Stefano di Biella in collaborazione con “Sia Luce” . L’opera sarà esposta in Cattedrale fino al 26 settembre

PROGRAMMA DELLA SERATA DI PRESENTAZIONE DEL RESTAURO:

Saluto e preghiera di benedizione del restauro
don Paolo Boffa Sandalina
Introduzione del prof. Mauro Natale, storico dell’arte, professore emerito Università di Ginevra
Lettura storico artistica del quadro
dott. Simone Riccardi, storico dell’arte
Illustrazione del lavoro di restauro
dott.ssa Camilla Fracassi e dott.ssa Marta Aina, restauratrici

Musiche del V Centenario a cura del maestro Giulio Monaco

“quorum testimonio sciat posteritas
quanta in Matrem sit Bugellae fides
quanta Matris bonae in filios tutela”

(dalla lapide commemorativa della IV incoronazione, 1920)
“perché si sappia quanta è la fede di Biella nella Madre di Oropa e quanta è la protezione della Madre per i suoi figli”.

Scarica la locandina

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su print
Condividi su email
Condividi su whatsapp

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter