incendi alla cappella dei lumini

Incendio alla cappella dei lumini: scongiurato il disastro

Domenica 30 giugno, alle ore 19.30 circa, dopo che la “cappella dei lumini” era stata chiusa al pubblico come avviene ogni sera, all’interno di questa si è sviluppato un focolaio che dapprima ha coinvolto i piccoli lumini in plastica già accesi sulle apposite strutture in ferro, per poi raggiungere gli scatoloni delle riserve degli stessi, sviluppando così un vero e proprio incendio che ha coinvolto tutto l’ambiente.

Alle ore 19.50 due pellegrini di Cossato che hanno avvistato il fumo e i bagliori hanno dato l’allarme permettendo al personale del Santuario di intervenire con tempestività avvisando i Vigili del Fuoco. In attesa dei Vigili lo stesso pellegrino che aveva dato l’allarme e due dipendenti delle Funivie di Oropa hanno attivato il sistema antincendio montando i manicotti e le lance riuscendo così a domare il fuoco dalla finestra e a spegnerlo definitivamente. I vigili del Fuoco hanno poi messo in sicurezza tutti gli ambienti interessati dall’incendio e quelli attigui e con i Carabinieri hanno dato le disposizioni di sicurezza a cui attenersi.

Il Rettore, gli Amministratori, e tutto il Santuario vogliono manifestare la loro gratitudine a tutti coloro che in quei momenti drammatici sono intervenuti per scongiurare il possibile disastro.

In modo particolare la nostra gratitudine va ad Alexander Zoccola, che ha dato l’allarme, e ai dipendenti delle Funivie Oropa Andrea Pollono e Franco Baccaro che, intervenendo prontamente, sono stati i veri eroi della serata. Un grazie ai Vigili del Fuoco, ai Carabinieri e al personale del Santuario stesso”. Don Michele Berchi, Rettore del Santuario

In queste ore, in attesa delle perizie tecniche necessarie per poter ripristinare l’uso degli ambienti interessati dall’incendio, stiamo cercando soluzioni a brevissimo termine per permettere ai pellegrini di ritornare a compiere quel gesto di devozione che, esprimendo supplica e ringraziamento, è tra le espressioni più semplici e profonde di affetto e fiducia nei confronti della Madonna di Oropa.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su print
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter